Pensioni in forte calo rispetto agli anni precedenti: ecco le cifre ufficiali dell’Inps

Le pensioni sono davvero in forte calo rispetto al passato, le cifre che l’Inps ha reso note non lasciano spazio a nessun tipo di dubbio.

Sembra proprio che le cose per quello che concerne la pensione del 2024 stiano per cambiare e infatti, le notizie non sembrano lasciare presagire nulla di buono su questo argomento. In particolare, a confermarlo è l’osservatorio dell’Inps.

Pensioni in forte calo rispetto agli anni passati
Pensione – (Suppostedigitali.it)

L’Inps si è soffermato in modo più accurato su i flussi di pensionamento che nel 2023 sono stati 764.90 gli assegni pensionistici erogati in totale dall’Ente Previdenziale, registrando un calo rispetto al 2022. Un particolare di non poco conto specialmente se si tiene conto del periodo storico in cui ci troviamo a vivere.

Per capirci ancora meglio, ad essere state prese in considerazione, sono le singole categorie che per quello che riguarda la pensione con decorrenza 2022 sono state: 303.367 pensioni di vecchiaia e poi ancora: 260.483 pensioni anticipate, 53.747 pensioni di invalidità e 248.351 pensioni ai superstiti. Nel 2023: 296.153 vecchiaia, 218.584 anticipate, 46.462 invalidità e 203.708 superstiti. Ma entriamo ancora di più nel particolare.

Pensioni in calo rispetto a passato: l’Inps non lascia alcun dubbio

Le cose stanno davvero cosi, secondo il monitoraggio dell’Inps, nell’ultimo anno c’è stato un netto calo delle pensioni rispetto al passato: un particolare che potrebbe destare qualche preoccupazione. Cosi come riporta il report: Sono 865.948 le pensioni erogate con decorrenza nel 2022 e 764.907 quelle con decorrenza 2023″.

Pensione in ribasso: diverse da quelle del passato
Pensione – (Suppostedigitali.it)

Quindi per capirci ancora meglio, in tutte le gestioni che sono state prese in considerazione, fatta eccezione per gli Assegni Sociali, già nel corso del primo trimestre del 2023, era stato registrato un calo di numeri, diventati decisamente più bassi rispetto al primo trimestre del 2022.

“Il totale delle pensioni con decorrenza nel 2022 è di 865.948, per un importo medio mensile alla decorrenza di 1.135 euro” si legge nel rapporto Inps e ancora: “Quelle con decorrenza nel 2023 sono state 764.907 in totale, per un importo medio di 1.140 euro”Un resoconto che deve tenere conto del fatto che questi valori si riferiscono alle pensioni di vecchiaia, agli assegni sociali, alle pensioni anticipate, a quelle di invalidità e a quelle ai superstiti delle gestioni considerate.

Insomma una situazione davvero incresciosa che non può fare altro che mettere in allarme anche il Governo, che dovrebbe cercare di correre ai ripari introducendo delle riforme in grado di potere evitare o per lo meno mettere una pezza, in caso di tracollo finanziario. Non resta che attendere per scoprire se le cose, con il passare del tempo potranno cambiare.

Impostazioni privacy