Kinematics – credi nella stampa 4D?

Ormai tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta della stampa 3D. Proprio ora che questo tipo di stampa ha iniziato ad essere facilmente accessibile a chiunque abbia capacità di modellazione 3D tramite siti come i.materialise, sta nascendo un nuovo tipo di stampa che si può definire “Stampa 4D”. Come ogni volta che si parla della quarta dimensione, stiamo ovviamente parlando del tempo. Ma cosa ha a che fare tutto ciò con il tempo?

Kinematics, un esempio palese di quarta dimensione

Per quarta dimensione si intende la capacità dell’oggetto stampato di adattarsi a determinati cambiamenti nel corso del tempo. Questo può essere inteso come la scocca di un auto che modifica le sue proprietà durante un urto, o anche la struttura di una barca che si adatta alle condizioni del mare. Oggi vogliamo parlare però di kinematics, oggetti che si adattano alle proprietà del corpo con il quale interagiscono.

[vimeo]https://vimeo.com/80287226[/vimeo]

Dai gioielli…

Come abbiamo visto dal video non si tratta di nient’altro che di una stampa di moduli interconnessi (già dal momento della stampa) che permettono alla struttura completa del gioiello, o di qualunque prodotto abbiamo intenzione di realizzare, di adattarsi al corpo della persona che la indossa. Lo studio Nervous System, il quale si sta dando da fare verso la produzione e promozione di questi prodotti (shop), ha iniziato a distribuire gioielli (collane, orecchini, bracciali, set completi) fatti con questa metodologia attraverso il proprio sito. Cosa ancora più importante, lo studio permette, tramite una web-app, di personalizzare il prodotto da acquistare in dimensioni, colori, tipologia e disposizione dei moduli.

La cinematica è infatti quella branca della fisica meccanica che studia il movimento degli oggetti. Riesce a produrre disegni da 10 a 1000 moduli che riescono a creare un sistema dinamico e meccanico. In questo modo è possibile produrre una molteplicità di prodotti irregolari dall’innegabile resa estetica:

…ai vestiti…

Non vi ha sorpreso abbastanza l’editor di gioielli? Allora immaginate di poter produrre, con lo stesso metodo, dei vestiti su misura che si adattano al corpo della persona. Questa operazione si divide in 6 steps

  • Il primo step consiste in uno scan del corpo del cliente in modo che il programma riesca a registrare le varie misure e le forme dei tagli del vestito;
  • Dopo uno schizzo 3D del prodotto la polisuperficie prodotta dovrà essere scomposta in triangoli;
  • Una volta scomposta in triangoli tutta la struttura viene convertita nei moduli della tecnologia Kinematics;

  • Ora il problema da risolvere è stampare un intero vestito dentro una stampante 3D che è molto più piccola. Per questo motivo si simula la forza di gravità sul vestito e quindi le sue piegature e poi si simula una compressione fino a rendere tutto il prodotto abbastanza compatto da entrare nello spazio di stampa;
  • In seguito il prodotto viene stampato e come se fosse tessuto torna alla forma utile all’uso.

La densità dei moduli sarà modificabile in fase prestampa, ogni tipologia darà un effetto estetico unico al prodotto e anche un differente comportamento meccanico che lo renderà più o meno morbido, leggero e flessibile in determinati punti o parti.

…a ciò che la vostra mente può immaginare.

Avete visto a che punto sono arrivate le stampe con i polimeri. Attraverso la modularità si può ottenere davvero qualunque effetto, cambiando solo le caratteristiche meccaniche del prodotto a partire dalla forma dei moduli. Lo studio Kinematics ha usato questa opportunità per gioielli e vestiti, ma le idee sono nell’aria e ci sono milioni di altri modi in cui si può utilizzare questa tecnologia.

[quote dove=”centro”]Voi come la usereste? Fatecelo sapere qui sotto[/quote]

TASC ha già parlato di stampa 3D scopri tutti gli articoli.

Impostazioni privacy